Contatto|    Privacy|          facebook

IL RUOLO DEI GENITORI

I genitori hanno sempre avuto un ruolo importante per la crescita sportiva dei propri figli, anche perché soprattutto a quest’età, i figli devono essere supportati (non esaltati né tantomeno depressi) dai genitori, sia per gli stimoli continui che forniscono, sia per il grande aiuto che possono dare in fatto di educazione, lealtà, fiducia dei propri mezzi, orgoglio e autodeterminazione.

I genitori devono essere disponibili ad accompagnare i loro figli, agli allenamenti, alle partite (la domenica mattina presto ..non sempre dietro casa), a dialogare con gli allenatori, con altri genitori, insomma con tutto il mondo che ruota attorno al bambino quando pratica sport.

Società e genitori devono creare un’alleanza, perché una collaborazione intelligente può aiutare a risolvere molti problemi, da quelli educativi dei bambini e dei ragazzi, alle molteplici incombenze organizzative societarie.
Il compito dei genitori è di insegnare ai propri figli che lo sport è un grande veicolo di valori fondamentali, che la vittoria è frutto di un duro lavoro e di un impegno costante e che non conta solo il risultato .

In alcuni sport di squadra, ma anche a livello individuale, quando i genitori seguono i propri figli durante la gara o la partita, pensano di avere dei piccoli campioni in campo.
Il tifo è per il figlio e non per la squadra, gli errori sono degli altri e non del figlio, se l’arbitro fischia contro il figlio è un incompetente, se l’Istruttore non lo fa giocare non capisce niente.

Sfogare le proprie frustrazioni sui figli, trattati come alter ego in grado di restituire l’immagine ideale che a volte non si è riusciti a raggiungere da giovani, contribuisce a capovolgere la realtà.

Un genitore non deve caricare di responsabilità un bambino o un ragazzo di 8-12 anni, ma deve motivarlo, incoraggiarlo, fargli capire che il duro lavoro paga sempre, così nello sport come nella vita.

Spesso nello sport assistiamo a delle scene , di alcuni genitori, che perdono la calma e il controllo di se stessi..questo avviene purtroppo perché :

L’approccio educativo del mondo dello sport è spesso uno specchio attraverso cui si riflettono comportamenti e atteggiamenti degli adulti, quindi competitività esasperata, esclusione dei meno dotati, accentuazione dell’aspetto fisico e agonistico.

 

Stampa

AFFILIATO tappo 100